La psoriasi è un problema cronico della pelle, correlato a malfunzionamento del sistema immunitario e ad infiammazione. Essa dà luogo a ispessimenti di pelle rossi, bianchi o argentati di diverse dimensioni che colpiscono ginocchia, gomiti, schiena, mani, piedi e cuoio capelluto.

Attualmente non è ancora stato compreso esattamente il motivo per cui si manifesta, ma gli scienziati ritengono che la psoriasi sia il risultato di diversi fattori, tra cui la genetica, i fattori ambientali e il sistema immunitario.

E’ più comune negli adulti e si stima che nel 10% dei casi è un problema che coinvolge più membri di una stessa famiglia. In molti casi avanzati il trattamento potrebbe essere necessario per tutta la vita.

Psoriasi: caso studio

La psoriasi colpisce circa il 2-3% della popolazione mondiale, ugualmente uomini e donne tra i 15 e i 45 anni.Psoriasi Aree colpite Anche se la causa esatta della psoriasi non è chiara, non è contagiosa.

Normalmente le cellule della pelle vengono prodotte e sostituite ogni tre o quattro settimane.

Tuttavia, nella psoriasi la produzione di cellule cutanee avviene molto più rapidamente della norma.

La psoriasi è una condizione autoimmune, in quanto i globuli bianchi del corpo (linfociti T) attaccano le cellule della pelle e attivano una risposta infiammatoria.

Psoriasi
La psoriasi è caratterizzata dalla rapida crescita delle cellule della pelle e da un ispessimento della pelle. Lo strato esterno della pelle diventa irritato e la pelle scivola.

I linfociti rilasciano citochine, in particolare rilasciano un fattore di necrosi tumorale (TNF-alfa), che promuove l’infiammazione e accelera la crescita delle cellule cutanee, con conseguente formazione nel sito dell’infiammazione di “placche psoriasiche”, macchie biancastre e pruriginose.

La psoriasi è una condizione cronica che alterna fasi con sintomi lievi a sintomi severi.

Alcuni fattori contribuiscono ad alimentare le possibilità di insorgenza.

In particolare, possono aumentare il rischio di episodi di psoriasi: lo stress, i cambiamenti ormonali, il fumo, il consumo di alcol, il sovrappeso, le infiammazioni ricorrenti alla gola o le infezioni cutanee trattate con forti antibiotici, i farmaci utilizzati per curare l’ipertensione, i farmaci antimalarici e i farmaci anticoncezionali.

Oltre al tremendo impatto sociale e psicologico, la psoriasi a lungo termine può aumentare il rischio di sviluppare complicanze tipo malattie cardiache, diabete e cancro.

In circa il 20% dei pazienti, viene diagnosticata una complicanza come l’artrite psoriasica anche prima della diagnosi di psoriasi.

Spesso è associata ad una carenza di acido folico, un nutriente essenziale per una funzione nervosa ottimale.

Donna di 36 anni con psoriasi da 22 anni

Attualmente la psoriasi è una malattia per la quale non esiste una cura soddisfacente e richiede una gestione permanente dei sintomi con farmaci multipli per nulla esenti da effetti collaterali.

Il nostro istituto ha recentemente pubblicato un resoconto estremamente impressionante di una donna di 36 anni che soffriva di psoriasi da 22 anniRef. Wong, A.P., Kalinovsky, T., Niedzwiecki, A., & Rath, M. (2015). Experimental and Therapeutic Medicine, 10, 1071-1073.
PubMed
Spandidos Publications
.

La malattia era presente ovunque tranne che sul viso e la paziente aveva utilizzato creme per 14 anni senza un miglioramento significativo.

Mentre continua il suo solito trattamento, la paziente ha migliorato le sue abitudini alimentari ed ha iniziato a prendere una combinazione specifica di micronutrienti che includeva vitamina C, lisina, prolina e altri micronutrienti quotidiani essenziali in proporzioni sinergiche.

L’aumento dell’assunzione dei micronutrienti ha contribuito a ridurre lo stress ossidativo e l’infiammazione ed ha migliorato la risposta immunitaria del corpo.

Nel secondo mese di assunzione della sinergia di micronutrienti, la paziente ha cominciato a notare che le macchie sulla metà superiore del suo corpo stavano guarendo. Il miglioramento è proseguito e le lesioni sulle gambe sono state le ultime a guarire.

Alla fine di sei mesi la paziente era completamente guarita da tutte le placche psoriasiche.

Anche se non è disponibile una cura soddisfacente per il trattamento della psoriasi, i risultati straordinari ottenuti con micronutrienti sicuri ed efficaci possono essere un raggio di speranza per migliaia di malati di psoriasi.