Ci sono oltre 100 tipi diversi tra artrite e artrosi che includono artrite reumatoide e artrite psoriasica (di natura autoimmune), artriti di origine traumatica (artrosi), infettiva, metabolica (gottosa).

I sintomi più comuni come dolore e rigidità sono di solito causati da artrite degenerativa (artrosi  o anche osteoartrite). Può accadere che un’artrite cronica degeneri in artrosi, avviando la degradazione della cartilagine nelle articolazioni.
La cartilagine può diventare ruvida, perdere elasticità e massa fino alla deformazione, causando rigidità articolare.

Sia l’artrite che l’artrosi sono patologie molto dolorose, con tutti i tipici sintomi dell’infiammazione, inclusi febbre, rossore e gonfiore. Ed è proprio l’infiammazione il denominatore comune che aggredisce i tessuti connettivi di ossa, articolazioni e tendini.

Osteoartrosi (artrosi o osteoartrite)

Che cos’è

“Logorio” delle cartilagini presenti nelle articolazioni, la condizione più diffusa rispetto a qualsiasi altra forma di artrite.

Di solito è una conseguenza dell’età, ma può derivare anche da obesità e lesioni articolari.
Le articolazioni che supportano il peso – ginocchia, fianchi, piedi e spina dorsale – sono i punti più comunemente influenzati. Spesso si verifica in maniera graduale nel corso degli anni. Provoca dolore alle articolazioni colpite. Non si avverte la sensazione di debolezza o l’affaticamento che deriva da altri tipi di artrite.

Come si manifesta

Si perde la capacità di assorbimento degli urti. La cartilagine, il materiale scivoloso che ricopre le estremità delle ossa, gradualmente si disgrega.

Un esempio è quello che può accadere alle ginocchia in condizione di sovrappeso. I chili di troppo pongono maggior pressione sulla cartilagine e questa viene subisce danni e si logora.

La cartilagine danneggiata rende doloroso il movimento. Talvolta si sente un suono irritante quando le cartilagini rovinate della superficie delle ossa sfregano l’una sull’altra. Possono insorgere escrescenze o protuberanze dolorose sulla parte terminale delle ossa, specialmente sulle dita di mani e piedi. Il rivestimento delle articolazioni può infiammarsi, ma ciò non è comune nel caso dell’osteoartrite.

Sintomi

I sintomi dipendono dall’articolazione o dalle articolazioni colpite.
Dolore acuto e forte.
Difficoltà nel vestirsi, pettinare i capelli, afferrare cose, piegarsi, accovacciarsi o salire le scale, a seconda delle articolazioni coinvolte.
Rigidità mattutina fino ad un’ora.
Dolore quando si cammina.
Rigidità dopo aver riposato.
Le articolazioni potrebbero essere:
Calde al tatto.
Gonfie e più difficili da muovere.
Impossibilitate a portare a termine una gamma completa di movimenti.

Artrite Reumatoide manifestazioni e sintomi

L’Artrite Reumatoide (AR) è una malattia autoimmune. Ciò significa che il sistema immunitario attacca parte del corpo, specialmente le articolazioni. L’ infiammazione che ne deriva danneggia le articolazioni.
Circa 1 persona su 5 con artrite reumatoide presenta delle protuberanze dette noduli reumatoidi.

Questi spesso si formano sull’area delle articolazioni sottoposte a pressione, come nocche, gomiti o talloni.

artrite-reumatoide-artrosi-studio-approcci-naturali

Come si manifesta

I medici non sanno esattamente cosa causi l’ Artrite Reumatoide

Alcuni esperti ritengono che il sistema immunitario diventa “confuso” a seguito di un’infezione batterica o virale ed inizia ad attaccare le articolazioni. Questa battaglia può diffondersi in altre aree del corpo.

Sintomi

I sintomi possono arrivare gradualmente oppure iniziare all’improvviso. Spesso sono più gravi rispetto a quelli dell’osteoartrite e comprendono:

– dolore e rigidità
– gonfiore  alle mani, ai polsi, ai gomiti, alle spalle, alle ginocchia, alle caviglie, ai piedi, alla mascella e al collo.

L’AR di solito colpisce diverse articolazioni.

Tende inoltre ad esserci uno schema simmetrico. Quando le nocche della mano sinistra si infiammano, probabilmente lo saranno anche le nocche della mano destra. Dopo un po’ di tempo, le articolazioni appaiono calde oppure provocano dolore o si gonfiano.
Il rigonfiamento articolare persiste ed ostacola le attività quotidiane più semplici come aprire un barattolo, guidare, lavorare, camminare e altre attività quotidiane.

La rigidità che di solito inizia al mattino può durare per ore o anche per tutta la giornata.
Talvolta si manifestano anche affaticamento e perdita dell’appetito. L’AR può inoltre influire su altri organi incluso cuore, polmoni ed occhi.


Che cos’è l’artrite Psoriasica

Artrite infiammatoria cronica, talvolta associata a psoriasi, che in genere precede il processo artritico. Si tratta di una malattia autoimmune che colpisce circa il 10%-30% delle persone che soffrono di psoriasi.

La psoriasi causa la comparsa di aree infiammate sulla pelle a chiazze, rialzate rosse e bianche con scaglie. Di solito colpisce la punta dei gomiti e delle ginocchia, il cuoio capelluto, l’ombelico, e la pelle attorno all’area genitale o all’ano.

Come si manifesta

Questo tipo di artrite di solito inizia fra i 30 e i 50 anni, ma può iniziare fin dalla prima infanzia. È ugualmente comune fra gli uomini e fra le donne. La malattia della pelle (psoriasi) di solito si manifesta per prima.

Sintomi

L’artrite psoriasica può far gonfiare le dita di mani e piedi. Le persone che ne soffrono spesso presentano anche indentazione o decolorazione delle unghie delle mani.

In alcuni soggetti, solo un’articolazione o poche articolazioni vengono colpite, ad esempio un ginocchio. A volte colpisce la spina dorsale o solo le mani e i piedi.


Terapie per artrite artrosi

Gli obiettivi principali dei trattamenti medici più comuni mirano a ridurre l’infiammazione,  rallentare o fermare la progressione, senza tuttavia proteggere le cellule ancora sane dei tessuti connettivi.

Il trattamento di solito include farmaci, terapia fisica, normalizzazione del peso ed esercizio regolare. Alcune persone hanno bisogno della chirurgia per correggere il danno articolare.

Recentemente gli scienziati ipotizzano che due agenti chimici relativi all’infiammazione, il fattore di necrosi tumorale (TNF) e l’interleuchina 1, attivino parti del sistema immunitario.

I medicinali che bloccano la TNF, l’interleuchina 1 e l’interleuchina 6 possono ancora una volta migliorare i sintomi ed impedire il danno alle articolazioni, senza alcun tipo di protezione dei tessuti sani.

La medicina ufficiale tuttavia non è ancora riuscita a comprendere pienamente i meccanismi patogenetici alla base dello sviluppo di questo tipo di malattie; allo stesso modo, quei fattori che sostengono o impediscono la progressione dell’artrite e dell’artrosi sono mal identificati.


Artrite, artrosi: Studi Clinici con rimedi naturali

artrite-studi-sostanze-naturali

Partendo dallo studio dei meccanismi cellulari coinvolti nell’insorgenza dell’Infiammazione, i ricercatori del Dr Rath Research Institute hanno dimostrato l’efficacia di alcuni gruppi di sostanze naturali.

L’istituto apre la possibilità non solo ad una prevenzione efficace, ma anche al trattamento dei vari tipi di artrite e artrosi, attraverso l’uso focalizzato di micronutrienti naturali, combinati per ottenere reazioni a cascata (reazioni che con i singoli nutrienti non è possibile ottenere).

Il gruppo di ricerca ha documentato gli effetti anti-infiammatori di una miscela composta da micronutrienti quali vitamina C, vari amminoacidi e composti fenolici del tè verde(2).

Inoltre, hanno dimostrato in vivo che una miscela di micronutrienti arricchita con flavonoidi da agrumi, come esperidina, naringenina e quercetina,  riesce a ridurre in modo significativo vari mediatori infiammatori e le citochine dell’infiammazione sistemica.

Nello studio che segue, sono stati testati, in pazienti con diagnosi di artrite ed artrosi, gli effetti di micronutrienti (assemblati in specifiche sinergie) su vari parametri infiammatori.

Progetto dello Studio

Lo studio pilota ha coinvolto 10 pazienti di età compresa fra 45 e 84 anni, diagnosticati con artrite e/o artrosi. Questi pazienti hanno assunto un composto in sinergia di vitamine e altri nutrienti selezionati quotidianamente durante i sei mesi dello studio.

Non sono stati utilizzati altri farmaci. I pazienti dello studio si sono inoltre sottoposti a trattamenti di terapia fisica. Come parametro di controllo, sono stati eseguiti test del sangue ogni sei settimane per i vari parametri indicatori di infiammazione.

I sintomi dell’infiammazione sono stati diagnosticati nel sangue dei pazienti tramite l’analisi di sedimentazione (VES) eritrocitaria (globuli rossi), presenza di una classe specifica di proteine chiamate proteine C-reattive (CRP), e misurazione del numero di leucociti (globuli bianchi). Inoltre, sono state prese lastre a raggi X delle zone colpite all’inizio e alla fine del periodo di studio.

Risultati dello Studio

Dopo sei mesi di studio, sono state rilevate le seguenti modifiche nei parametri infiammatori nel sangue:

VES a confronto - studio artrite artrosi antiinfiammatori naturali
Figura 1

1. Diminuzione dei valori di sedimentazione eritrocitaria (VES) nelle donne del 35% e negli uomini del 27%, in confronto ai valori iniziali all’inizio dello studio. (Figura 1)

2. I livelli di leucociti nel sangue non sono stati influenzati e sono rimasti su valori normali sia negli uomini che nelle donne sia all’inizio che alla fine dello studio.

3. I livelli di CRP all’inizio dello studio erano da due a quattro volte superiori rispetto ai livelli normali in sei dei 10 partecipanti allo studio. Alla fine dello studio, i livelli di CRP erano calati in media del 30%.
L’abbassamento della sedimentazione ematica e il calo dei livelli di CRP hanno dimostrato un miglioramento nell’incidenza dell’infiammazione fra pazienti artritici e artrosici. (Figura 2)

CRP
Figura 2

4. Gli esami a raggi X delle zone colpite hanno indicato un miglioramento nel 50% dei pazienti.

Questo studio pilota di sei mesi, anche se condotto su un gruppo ristretto di pazienti, ha confermato gli effetti positivi di questo programma vitaminico. L’ulteriore efficacia dell’azione sinergica dei nutrienti nell’artrite è stata confermata da diverse testimonianze basate sulle cartelle cliniche dei pazienti.

Fonti e Riferimenti

1. Arthritis.org

2. Essential nutrients suppress inflammation by modulating
key inflammatory gene expression
V. Ivanov, J. Cha, S. Ivanova, T. Kalinofsky, M.W. Roomi, M. Rath, A. Niedzwiecki
International Journal of Molecular Medicine 2008; 22(6): 731-741
PubMed
Spandidos publications

3. Cellular Health Communications Vol 1, No. 1, 2001 (pdf)

Parole chiave: Artite, artrosi, osteoartrosi, infiammazione, osteoartrite