Una ricerca scientifica condotta presso l’Istituto di Ricerca Dr. Rath ha consentito di verificare che i calcio antagonisti bloccano la produzione di collagene, la molecola di stabilità più importante per il tessuto connettivo e le pareti dei vasi sanguigni.

I cosiddetti “antagonisti dei canali del calcio”, che includono gli antagonisti dei canali del calcio, sodio e potassio sono dei farmaci utilizzati per ridurre la pressione sanguigna, le aritmie ed altri disturbi, attualmente sono quelli maggiormente prescritti negli Stati Uniti, dove ad un adulto su tre viene diagnosticata l´ipertensione mentre molti altri soffrono di preipertensione.

In Italia circa il 30% degli uomini ed il 20% delle donne soffre di ipertensione e la spesa farmaceutica per il sistema cardiovascolare è la prima in classifica (PDF Federfarma dati 2015).

Negli USA, i calcio-antagonisti sono l´ottava categoria di farmaci sotto prescrizione più venduti.

Restiamo In Contatto
Per Stare In Salute !!

Calcio antagonisti aumentano il rischio di infarti e ictus

Secondo uno studioIvanov V, et al., Am J Cardiovasc Dis 2016:6(2):26-35
PubMed
dell’Istituto Dr. Rath, questi farmaci impediscono al calcio e ad altri preziosi minerali di entrare nelle cellule, andando a bloccare specifici canali situati nelle pareti che rivestono i vasi sanguigni, le cellule del cuore ed altri tessuti.

Calcio antagonisti aumentano il rischio di infarti e ictus

Una volta bloccati i canali, i farmaci ostacolano anche l’assorbimento di vitamina C, un nutriente fondamentale per la produzione di collagene.

La carenza di vitamina C può compromettere le pareti arteriose e può causare danni strutturali a livello microscopico con conseguente formazione di placche arteriosclerotiche, che danno origine a infarti e ictus.

La ricerca del Dr Rath ha permesso di evidenziare come tra tutti gli antagonisti dei canali, la nifedipina è la più deleteria perché causa una significativa riduzione della produzione del collagene.

Se pensiamo che questo tipo di farmaci in genere va assunto per lungo tempo, forse ora possiamo renderci conto degli effetti dannosi che possono avere sulla salute.

Invece che prevenire gli attacchi cardiaci, nel lungo termine questi farmaci non solo aumentano la formazione di aterosclerosi ma conducono anche ad un peggioramento generale dei tessuti connettivi del corpo.

Una soluzione evidenziata dallo studio dell’Istituto Dr. Rath per prevenire rischi cardiaci

A fronte di questo grave deficit nel settore della cardiologia, questo studioIvanov V, et al., Am J Cardiovasc Dis 2016:6(2):26-35
PubMed
fornisce uno spiraglio, dimostrando che la riduzione della produzione del collagene provocata dai calcio antagonisti può essere compensata dall’assunzione di vitamina C.

Nello specifico, l’assunzione di palmitato di acido ascorbico nella forma liposolubile assicura la produzione di collagene necessaria al tessuto connettivo.

Lo studio dell’Istituto dr. Rath ha accertato quindi come gli antagonisti dei canali del calcio, che milioni di persone nel mondo assumono per prevenire rischi cardiaci, non fanno altro che incrementare il rischio di infarti e ictus a causa del progressivo indebolimento del cuore e delle pareti dei vasi sanguigni.

In seguito all’assunzione regolare di questi farmaci è stato anche rilevato una maggiore predisposizione al cancro al senoLi CI, Daling JR, Tang MT, Haugen KL, Porter PL, Malone KE
Use of antihypertensive medications and breast cancer risk among women aged 55 to 74 years.
PubMed
e a determinate patologie gengivaliFardal, Lygre Management of periodontal disease in patients using calcium channel blockers – gingival overgrowth, prescribed medications, treatment responses and added treatment costs.
PubMed
Amit Kumar Srivastava, Debabrata Kundu, Prasanta Bandyopadhyay, and Asit Kumar Pal
Management of amlodipine-induced gingival enlargement: Series of three cases
PubMed
.

La soluzione fornita dagli studi dai ricercatori dell’Istituto dr. Rath è in grado di evitare numerosi effetti collaterali e possono essere prevenuti attraverso l’integrazione di una combinazione sinergica di vitamina C tra cui il palmitato di ascorbile ed altri particolari micronutrienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

"Ci avete regalato la vita per la 2° volta con le vostre ricerche d'avanguardia"

Hans Halle

Prendi posto nella community: oltre 1000 persone in Italia hanno tratto benefici dagli studi dell'Istituto di Ricerca del Dr Rath!


Scopri cosa facciamo