Uno degli scienziati più importanti della storia disse: “Tutti dovrebbero sapere che la ricerca sul cancro è in gran parte una frode…” (1)
La citazione viene da Linus Carl Pauling, Dottore di Ricerca (Ph.D. – Phylosophy Doctor) e 2 volte vincitore del Premio Nobel per la Chimica (1901-1994).

Egli fu uno dei fondatori della chimica quantistica e della biologia molecolare, ed anche un’attivista per la pace. Venne invitato a ricoprire la carica di responsabile della divisione di Chimica del Progetto Manhattan, ma rifiutò.
Era coinvolto in moltissimi lavori per le applicazioni militari, ed era esperto in tutto quello che riguarda il mondo della scienza. Basta una veloce ricerca su Google nel caso tu voglia saperne di più.

Quest’uomo conobbe la stragrande maggioranza delle informazioni in ambito scientifico, ma non è l’unico esperto ad esprimere simili opinioni.

Per esempio, un’altra citazione piuttosto dura in merito alla manipolazione e alla frode scientifica, viene dalla Dott.ssa Marcia Angell, medico e Direttore della rivista medica New England (NEMJ), considerata una delle più prestigiose riviste mediche di tutto il mondo.

“Non è più possibile credere semplicemente a gran parte della ricerca clinica che viene pubblicata, o fare affidamento sul giudizio dei medici di fiducia o delle linee guida mediche autorevoli. Non ho nessun piacere nel giungere a questa conclusione che ho raggiunto lentamente e con riluttanza durante i miei due decenni come Direttore della rivista medica New England.” (2)

E ancora…

Il Dottor John Bailer, 20 anni nello staff del National Cancer Institute ed ex redattore della rivista, in una riunione dell’Associazione Americana per il Progresso Scientifico, ha dichiarato pubblicamente: 

“La mia valutazione complessiva è che il programma nazionale contro il cancro deve essere giudicato un fallimento. La nostra ricerca sul cancro degli ultimi 20 anni è stata un totale fallimento.” (3)

Un altro punto interessante è il fatto che la maggior parte del denaro donato alla ricerca sul cancro è speso per la ricerca sugli animali, che da molti è stato considerato del tutto inutile.

Ad esempio, nel 1981 il Dottor Irwin Bross, l’ex direttore del Sloan-Kettering Cancer Research Institute (il più grande istituto di ricerca sul cancro in tutto il mondo), ha dichiarato: 

“L’inutilità della maggior parte degli studi su modelli animali è meno nota… La scoperta di agenti chemioterapici per il trattamento del cancro umano è ampiamente annunciato come un trionfo, ma grazie all’uso di modelli animali. Queste esagerate rivendicazioni provengono dalle stesse persone che ottengono i finanziamenti federali per la ricerca sugli animali…Gli agenti chemioterapici di valore nel trattamento del cancro umano sono stati scoperti in un contesto clinico, piuttosto che in studi su animali.” (4)

Riferimenti

  1. PDF
  2. Editors, Publishers, Impact Factors, and Reprint Income PubMed
  3. 4. Rense

Ricevi le news dell'Istituto di Ricerca

Eventi e notizie su studi indipendenti applicati a sostanze naturali non brevettabili ma efficaci per contrastare malattie degenerative cardiovascolari, della pelle, oncologiche, borelliosi.

Inserisci la tua migliore email qui sotto per ricevere la Newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

"Ci avete regalato la vita per la 2° volta con le vostre ricerche d'avanguardia"

Hans Halle

Prendi posto nella community: oltre 1000 persone in Italia hanno tratto benefici dagli studi dell'Istituto di Ricerca del Dr Rath!


Scopri cosa facciamo