L‘Influenza è una malattia virale comune che colpisce fino al 20% della popolazione mondiale; nella maggior parte dei casi è benigna ma può talvolta comportare conseguenze gravi negli anziani, nei bambini e soprattutto in quelle persone con un sistema immunitario compromesso.

Si stimano infatti da 250.000 a 500.000 morti nel mondo ogni anno1.

Il virus dell’influenza si diffonde facilmente attraverso l’aria o per contatto diretto. Nella maggior parte dei casi, semplici misure quali lavaggio frequente delle mani e buona alimentazione sono efficaci nella prevenzione.

Tuttavia, ogni anno vengono alimentate ad hoc delle campagne mediatiche volte a promuovere i vaccini come miglior protezione contro l’influenza. Il mercato mondiale dei vaccini anti influenzali genera quasi 3 miliardi di dollari l’anno, con stime per il 2014 che raggiungono i 4,2 miliardi di dollari.

Nonostante il marketing aggressivo è stato difficile dimostrare l’efficacia del vaccino contro l’influenza perché il virus influenzale spesso muta (si modifica geneticamente) e la resistenza al vaccino è molto comune.

Attualmente, oltre i farmaci da banco non esistono cure efficaci. Essi possono ridurre i sintomi similinfluenzali di un giorno o due, ma alcuni, come il Tamiflu®, aumentano il rischio di effetti collaterali gravi tra cui tumori, cambiamenti di comportamento, allucinazioni e persino convulsioni.

Un’assunzione extra di vitamina C è un rimedio popolare contro l’influenza.

Tuttavia, la ricerca condotta dal Dr Rath Research Institute ha documentato che la vitamina C associata a lisina e ad altri micronutrienti come prolina, estratto di tè verde ed N – acetilcisteina, funziona in modo più efficace rispetto alla sola vitamina.

Questi micro nutrienti presi in combinazione possono agire in molteplici meccanismi dell’infezione da virus influenzale. Abbiamo dimostrato che una specifica sinergia di micronutrienti, opportunamente combinati, può inibire la moltiplicazione del virus dell’influenza umana fino all‘ 82% e ridurre l’infezione di nuove cellule del 70%2.

Per di più, questa miscela può compromettere la distruzione enzimatica del tessuto connettivo fisiologico, la barriera naturale contro la diffusione del virus. Questa combinazione di micronutrienti si è dimostrata efficace applicata prima, durante e anche dopo l’infezione da virus influenzale.

Oltre ai nostri studi sul virus H1N1, abbiamo anche dimostrato l’efficacia di questa combinazione di nutrienti nell‘ H5N1 (virus dell‘ influenza aviaria) e confrontato gli effetti del Tamiflu® e di altri farmaci antivirali. La miscela di nutrienti ha superato le proprietà antivirali e gli effetti protettivi dei farmaci3, tra l’altro senza effetti collaterali.

Riferimenti

1. WHO, Seasonal Influenza Fact Sheet
2. RJ. Jariwalla, et al., Biofactors, 31(1), (2007) 1-15 PubMed
3. PG Deryabin, et al., Biofactors 2008, 33(2): 85-97 PubMed

Ricevi le news dell'Istituto di Ricerca

Eventi e notizie su studi indipendenti applicati a sostanze naturali non brevettabili ma efficaci per contrastare malattie degenerative cardiovascolari, della pelle, oncologiche, borelliosi.

Inserisci la tua migliore email qui sotto per ricevere la Newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

"Ci avete regalato la vita per la 2° volta con le vostre ricerche d'avanguardia"

Hans Halle

Prendi posto nella community: oltre 1000 persone in Italia hanno tratto benefici dagli studi dell'Istituto di Ricerca del Dr Rath!


Scopri cosa facciamo