Secondo i ricercatori della University of California di San Francisco, lo zucchero rappresenta un rischio per la salute, che contribuisce ogni anno a circa 35 milioni di decessiThe toxic truth about sugar. Lustig RH1, Schmidt LA, Brindis CD.
Lustig RH1, Schmidt LA, Brindis CD.Nature 2012 Feb 1;482(7383):27-9.
Pub Med
.

Gli effetti nocivi dello zucchero (non solo quello puro, ma anche quello che ricaviamo dalla digestione dei carboidrati come cereali, pasta, pane, riso, pizza, dolci e latticini) non si fermano al diabete.

Esso promuove la sindrome metabolica, l’iper- e l’ipoglicemia, la malattia da reflusso gastroesofageo, le malattie cardiache, il cancro e l’infiammazione.

“…l’infiammazione presente nei microambienti tumorali ha molti effetti di promozione dei tumori. L’infiammazione aiuta la proliferazione e la sopravvivenza delle cellule maligne, promuove l’angiogenesi e le metastasi, sovverte le risposte immunitarie adattive, e altera le risposte a ormoni e agenti chemioterapici.” Cancer-related inflammation; Mantovani A, Allavena P, Sica A, Balkwill F.; Nature. 2008 Jul 24;454(7203):436-44; Pub Med

Sinergia pericolosa tra zuccheri e cancro

Secondo un recente studio pubblicato nel 2016, condotto su circa 30.000 persone, livelli elevati di emoglobina glicata (test che misura i livelli di glicemia negli ultimi 3 mesi), in persone sane non diabetiche, sono associati al rischio di sviluppare il cancro per tutte le tipologieHigh hemoglobin A1c levels within the non-diabetic range are associated with the risk of all cancers. Goto A1,2, Noda M1,3, Sawada N4, Kato M1, Hidaka A4, Mizoue T5, Shimazu T4, Yamaji T4, Iwasaki M4, Sasazuki S4, Inoue M4,6, Kadowaki T7, Tsugane S4; JPHC Study Group.
Int J Cancer. 2016 Apr 1;138(7):1741-53. Pub Med
.

Zucchero e cancro sono quindi legati in una stretta mortale, eppure non si riesce a fare ciò che è necessario per sensibilizzare il Ministero della Salute e per informare medici e pazienti su questo argomento.

All’interno della comunità medica tradizionale si continua ad insistere sulla convinzione che il legame tra alcuni tipi di alimenti e il cancro sia debole e poco significativo.

Come si spiega allora, che secondo un gruppo sempre più folto di scienziati e medici, tagliare il glucosio alle cellule cancerose sia il modo più logico, efficace, sicuro e poco costoso per combattere il cancro?

Come affamare le cellule cancerose e prevenire il cancro

I ricercatori del Huntsman Cancer Institute dello Utah sono stati tra i primi a scoprire che lo zucchero “alimenta” le cellule canceroseDoes sugar feed cancer? Sciencedaily. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

“Già dal 1923 si sapeva che le cellule cancerose utilizzano molto più glucosio rispetto alle cellule normali. La nostra ricerca mostra come avviene questo processo e come potrebbe essere fermato per controllare la crescita del tumore “, dice Don Ayer, Ph.D., professore presso il Dipartimento di Scienze oncologiche presso l’Università dello Utah.

I Fattori di crescita alimentatno le cellule cancerose
I fattori di crescita insulino-simili o IGF (insulin-like growth factor), sono un gruppo di ormoni peptidici, prodotti dal fegato e dai condroblasti differenziati, sotto lo stimolo dell’ormone della crescita (GH) prodotto dall’ipofisi.

Per controllare i livelli di zucchero nel sangue derivanti dall’eccessivo consumo di carboidrati, il corpo produce elevati livelli di insulina e del fattore di crescita insulino-simile (IGF-1).

L’aumento dei livelli di insulina sono pro-infiammatori, favoriscono lo sviluppo del cancro e possono promuovere direttamente la proliferazione delle cellule tumorali attraverso la via di segnalazione dell’insulina e del fattore di crescita similinsulina 1 (IGF1).

Le cellule tumorali del pancreas utilizzano il fruttosio per far crescere il tumore più rapidamentePancreatic Cancers Use Fructose, Common in a Western Diet, to Fuel Growth UCLA. Un gruppo di ricercatori dell’Università della California di Los Angeles ha scoperto che le cellule tumorali alimentate a glucosio e fruttosio usano i due zuccheri in due modi diversi.

I loro risultati, pubblicati sulla rivista Cancer Research, aiutano a spiegare precedenti studi in cui l’assunzione di fruttosio è stata collegata al cancro del pancreas.

I ricercatori hanno concluso che chiunque voglia frenare il rischio di cancro, dovrebbe iniziare a ridurre la quantità di zucchero introdotta con l’alimentazione.

Affamare le cellule tumorali induce l’apoptosi

In una ricerca pubblicata il 26 giugno 2012 sulla rivista Molecular Systems Biology, i ricercatori hanno dimostrato che la privazione di glucosio alle cellule tumorali, attiva un ciclo di amplificazione metabolica che porta alla morte delle cellule del cancro come risultato dell’accumulo tossico di specie reattive dell’ossigeno (ROS)A Nicholas Graham, Martika Tahmasian, Bitik Kohli, Evangelia Komisopoulou, Maggie Zhu, Igor Vivanco, Michael A Teitell, Hong Wu, Antoni Ribas, Roger S Lo, Ingo K Mellinghoff, Paul S Mischel, Thomas G. Graeber. Deprivazione di glucosio attiva metabolismo e segnalazione ciclo di amplificazione che porta alla morte cellulare. Molecular Systems Biology, 2012; 8 DOI: 10.1038 / msb.2012.20.

Una volta che le cellule cancerose si sono stabilite nel corpo, la loro energia dipende dalla disponibilità di glucosio stabile nel sangue; esse non sono in grado di metabolizzare quantità significative di acidi grassi o corpi chetoniciI corpi chetonici, o chetoni, sono uno dei tre composti prodotti quando il fegato metabolizza gli acidi grassi. In tale occasione vengono rilasciati nel sangue tre tipi di corpi chetonici-acetacetico, acido beta-idrossibutirrico, e acetone. L’acido acetoacetico e l’acido beta-idrossibutirrico sono utilizzati come carburante dal cervello e dai muscoli, ma il corpo non può abbattere e quindi espellere acetone. I corpi chetonici in eccesso nel sangue e nelle urine possono segnalare una malattia metabolica grave, tra cui il diabtete tipo 1 e il diabete mellito, ed i medici spesso usano la misurazione dei corpi chetonici come strumento per la diagnosi di tali malattie., quindi hanno bisogno di zucchero.

Secondo una revisione completa della letteratura riguardante i carboidrati nella dieta ed il loro effetto diretto e indiretto sulle cellule tumorali, pubblicata nel mese di ottobre del 2011 sulla rivista Nutrition and Metabolism, i tumori sono così sensibili alla fornitura di zucchero che eliminarlo significa sopprimere il cancroIs there a role for carbohydrate restriction in the treatment and prevention of cancer? Rainer J Klement and Ulrike Kämmerer; Nutr Metab (Lond). 2011; 8: 75; Published online 2011 October 26.
Pub Med
.

Nuove metodologie per affamare ed indurre l’apoptosi delle cellule cancerose

Detto questo, se gli zuccheri promuovono e alimentano la malattia, potrebbe essere importante affiancare un approccio dietetico e di integrazione mirati nel tentativo di migliorare l’esito dei trattamenti.

Per quanto concerne l’integrazione, le cellule cancerose possono essere affamate non solo eliminando lo zucchero ma anche rinforzando il tessuto connettivo, un’importante arma di difesa del nostro corpo contro ciò che non riesce a controllare o che considera estraneo.

 

A questo proposito, l’Istituto di Ricerca del Dottor Rath di Santa Clara – in California – ha evidenziato i meccanismi indotti da specifiche sinergie di sostanze naturali per il rinforzo del tessuto connettivo e per il controllo naturale di molteplici aspetti dell’attività delle cellule cancerose: infiammazione, divisione cellulare, enzimi proteolitici, apoptosi e angiogenesi. I risultati di questa ricerca sono un contributo per lo sviluppo di un approccio valido per la maggior parte dei tipi di tumoreControllo e prevenzione dei tumori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

"Ci avete regalato la vita per la 2° volta con le vostre ricerche d'avanguardia"

Hans Halle

Prendi posto nella community: oltre 1000 persone in Italia hanno tratto benefici dagli studi dell'Istituto di Ricerca del Dr Rath!


Scopri cosa facciamo